English English French French German German Italian Italian Spanish Spanish

Sommergibile USA classe Gato/Balao

La più numerosa classe di sommergibili USA utilizzati durante la seconda guerra mondiale, specialmente nel Pacifico.

Nota sul copyright ©

Per poterci commissionare la stampa di questo progetto è indispensabile che il committente acquisti il progetto originale (segui il link cliccando sul pulsante) e ci fornisca comprova dell’avvenuto acquisto inviandoci la fattura in formato pdf o altra prova inequivocabile dell’acquisto effettuato a proprio nome.
Ciò per evitare che l’autore del progetto possa richiedere i danni da parte nostra o del committente per infrazione delle regole sul copyright.

Ricorda: ogni azione di pirateria informatica è punibile severamente!

La classe Gato rappresenta una delle più grandi e importanti tra le classi di sommergibili statunitensi della seconda guerra mondiale.

Nel 1940 la US Navy aveva ordinato ai propri cantieri la costruzione di sei di questi sommergibili, ma nell’imminenza dell’entrata in guerra degli Stati Uniti gli ordini furono portati ad un numero di settantasette battelli.

I sommergibili di questa classe avevano i due apparati propulsivi che, per migliorare la sicurezza, erano stati collocati in due zone separate; erano battelli concepiti per l’impiego oceanico a doppio scafo, di cui quello resistente era realizzato con acciaio che garantiva una quota operativa di 300 piedi.

La costruzione fu affidata ai cantieri Electric Boat Company, Portsmouth Navy Yard, e Mare Island Navy Yard.

Inizialmente i siluri Mark 14 da 533mm mostrarono problemi di malfunzionamento, rivelando diverse carenze tecniche: la tendenza a navigare troppo profondamente, quella di esplodere prematuramente, di descrivere traiettorie irregolari o circolari e fallire la detonazione nell’attimo dell’impatto. Nonostante questi problemi iniziali i sommergibili della classe Gato operarono intensamente nel Pacifico, ottenendo nel corso del conflitto numerosi ed importanti successi.

Nel dopoguerra i battelli sopravvissuti alla guerra furono in parte radiati e in parte trasformati e trasferiti in altre attività operative rimanendo in servizio per lungo tempo, aggiornati a vari standard chiamati GUPPY e basati sulle invenzioni tedesche della parte finale del conflitto. Alcune unità della classe dopo essere state messe in disarmo dalla US Navy sono diventate navi museali, mentre altre sono state cedute dagli USA a marine di nazioni amiche, tra cui la Marina Militare Italiana, dove hanno prestato servizio come classe Tazzoli.

Il progetto è realizzato in scala 1/72 ma l’ideale è la produzione e stampa in 1/48 che ne fa un pezzo unico.

Galleria immagini dal sito dell'autore (©)

Scrivici per una consulenza gratuita e un preventivo