English English French French German German Italian Italian Spanish Spanish

Sottomarino nucleare SSN “Nautilus”

Il primo sottomarino operativo americano ad energia nucleare

Nota sul copyright ©

Per poterci commissionare la stampa di questo progetto è indispensabile che il committente acquisti il progetto originale (segui il link cliccando sul pulsante) e ci fornisca comprova dell’avvenuto acquisto inviandoci la fattura in formato pdf o altra prova inequivocabile dell’acquisto effettuato a proprio nome.
Ciò per evitare che l’autore del progetto possa richiedere i danni da parte nostra o del committente per infrazione delle regole sul copyright.

Ricorda: ogni azione di pirateria informatica è punibile severamente!

Lo USS Nautilus (SSN-571) fu il primo sottomarino militare a propulsione nucleare varato al mondo. Il sottomarino è oggi visitabile allo Submarine Force Museum di Groton (Connecticut), di cui costituisce l’elemento più importante.

Fu un sottomarino non solo rivoluzionario ma fu anche il più grande e veloce mai costruito.

La sua costruzione venne autorizzata dal Congresso nel luglio del 1951 e i lavori ebbero inizio il 14 giugno 1952 presso i cantieri navali della General Electric a Groton, la stessa località in cui si trova attualmente.

Il 21 gennaio 1954 avvenne il varo del sommergibile ed ebbe così inizio l’era della propulsione nucleare per i sottomarini.

Fu talmente veloce in immersione durante le prove che secondo i resoconti dell’epoca (peraltro confermati in seguito) che alcune tavole di legno che ricoprivano il ponte furono strappate via.

Dopo il soddisfacente esito delle prove in mare l’unità venne presa in carico dall’US Navy ed iniziò così la sua carriera operativa. Nell’ambito della guerra fredda questo costituì un vantaggio enorme per gli Stati Uniti rispetto alla marina militare sovietica (fino all’immissione in servizio della controparte sovietica, il sottomarino nucleare K-3 Leninskij Komsomol), in quanto con le unità di classe Nautilus la US Navy poteva colpire ovunque, sfruttando la lunga autonomia in immersione che la propulsione nucleare consente.

A riprova di ciò nel periodo luglio/agosto 1957 il Nautilus compì il primo viaggio al di sotto della calotta polare artica, ed il 3 agosto 1958 fu il primo sottomarino ad attraversare in immersione il polo nord geografico, stabilendo di fatto un primato storico.

La carriera del sottomarino si concluse nella primavera del 1979, quando venne ritirato dal servizio. Nel 1982 venne deciso il recupero dell’unità come “pietra miliare” di interesse storico nel campo della propulsione nucleare, e l’11 aprile 1986 il sottomarino entrò a far parte dello U.S Navy Submarine Force Museum, localizzato sul fiume Thames a Groton, dove si trova tuttora.

Il progetto è originariamente in scala 1/72 e la lunghezza fuori tutto è di m. 1,356. un altro modello in qualità museale.

Galleria immagini dal sito dell'autore (©)

Scrivici per una consulenza gratuita e un preventivo